Emilia Otello: “Allo Specchio”

di Giuseppe Guarino

Emilia Otello è una poetessa piuttosto prolifica. La sua biografica (che consiglio di leggere) la troverete alla fine della pagina. Ha pubblicato di recente una raccolta di poesie per la Collana “Librintasca”, intitolata “Allo specchio”

Potete acquistare il libro su Amazon, cliccando sulla copertina, ma anche su altri siti: ibs, mondadoristore, lafeltrinelli.

Questa una poesia tratta dal libro:

QUANDO TORNERAI
Quando tornerai
chiudi la porta per favore.
Non lasciare che spifferi
di vento e di tempesta
aleggino in questa stanza.
Lo sai
che non amo il freddo.
Lascia che il calore
e il profumo della tua pelle
mi restino addosso.
Quando tornerai
lascia la tua rosa rossa
senza spine sul davanzale
della mia finestra.
Togliti prima le scarpe
per accompagnarmi
nei volteggi di questo tango.
Prima di tornare
da questo viaggio
spogliati della maschera dell’ipocrisia
e rivesti la tua poesia
BIOGRAFIA
Emilia Otello nasce a Monopoli (BA), ma attualmente vive con la sua famiglia a Polignano a mare.
Intenso il suo amore per ogni forma d’arte, attraversata da lei con l’intensità di un viaggio alla scoperta delle emozioni più profonde, cercando tra le vibrazioni più segrete dell’anima. Attraverso questo viaggio interiore, va alla ricerca di se stessa, e del senso della vita, consapevole che solo tramite la poesia riesce ad esternare le emozioni più profonde, che  trasmette in pagine di poesia, cercando in punta di piedi di far vibrare le corde dell’anima del lettore, che, spesso si ritrova nei suoi versi. Diversi riconoscimenti letterari acquisiti in vari concorsi nazionali, tra i quali: premio della critica “Città di New York”, della “Writers Capital Foundation’…ed altri. Alcune sue poesie sono trasformate in video, visibili sul canale YouTube, ed altre ancora fanno parte di diverse antologie.
Alcune sue poesie sono disponibili su Youtube. Di seguito i link.

 

“Chi non legge, a 70 anni avrà vissuto una sola vita: la propria. Chi legge avrà vissuto 5000 anni: c’era quando Caino uccise Abele, quando Renzo sposò Lucia, quando Leopardi ammirava l’infinito … perché la lettura è un’immortalità all’indietro” (Umberto Eco)